Una ricetta provocatoria per combattere la disoccupazione

La crisi ci ha abituato a convivere con un altissimo tasso di disoccupazione, in particolare giovanile. Insieme ai disagi economici, lo stato di disoccupato porta con sé anche una specie di esclusione sociale, come se tutti fossero convinti che il lavoro esiste, basta trovarlo. I rimedi messi in atto dalle varie politiche economiche sono serviti a poco: l’occupazione cresce di pochi punti decimali ogni anno, e gli scarsi posti guadagnati sono sempre più volatili.

In questo libro provocatorio, De Masi propone la sua ricetta per un futuro migliore. Prima di tutto è necessario affrontare il problema in tutta la sua gravità: la disoccupazione non solo non diminuirà, ma è destinata ad aumentare. Le macchine che una volta sostituivano l’uomo nei lavori manuali ora, grazie a software sempre più sofisticati, si preparano a svolgere le mansioni di medici, dirigenti e notai. Il progresso tecnologico, quindi, produrrà beni e servizi utilizzando sempre meno lavoro umano; per questo è necessario trovare soluzioni nuove per ridistribuire la ricchezza in modo equo. Ecco perché i disoccupati, e tutti coloro che temono di diventarlo, devono adottare una strategia precisa di riscatto “lavorare gratis” per scardinare il modello economico esistente e diventare l’avanguardia di un movimento che punti alla creazione di un nuovo modello di convivenza sociale, libero dal lavoro e in definitiva più felice.

Lavorare gratis lavorare tutti: perché leggerlo

La recente vicinanza di De Masi con i vertici del Movimento 5 Stelle non aiuta a valutare con il necessario distacco le tesi sostenute del libro ed è evidente che possano crearsi conflitti ideologici e prese di posizione basate su pregiudizi. Occorre invece, leggere con attenzione il volume per valutare cosa è utile di questo testo e cosa invece mostra segni di debolezza.

Lavorare gratis lavorare tutti: chi l’ha scritto

Nato nel 1938, Domenico De Masi è laureato in Giurisprudenza ed è specializzato in Sociologia del Lavoro. Ha collaborato con diverse riviste e testate, come “Il Punto”, “Tempi moderni”, “Nord e Sud”, “Dove” e “Style”. Ha fondato la rivista “Next. Strumenti per l’innovazione” e ha insegnato in diverse università italiane. Ha diretto per l’editrice Clu la collana di scienze sociali e per l’editore Franco Angeli la collana “La Società”.


Titolo Lavorare gratis, lavorare tutti.
Perché il futuro è dei disoccupati

Autore Domenico De Masi

Editore Rizzoli – Bur, 2017

Argomento Sociologia del lavoro


 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.