Un futuro senza welfare

Un futuro senza welfare

Titolo Lavoretti
Così la sharing economy ci rende tutti più poveri
Autore Riccardo Staglianò
Editore Einaudi
Argomento Sociologia del lavoro

La domanda da cui parte questo libro è: perché di colpo è diventato necessario arrotondare?

Riccardo Staglianò racconta il progressivo e sin qui inesorabile svuotamento del lavoro. A partire dagli anni Ottanta il suo valore ha cominciato a degradare rispetto al capitale e da allora la caduta non si è mai arrestata. Dal racconto del presente l’autore individua i principali snodi di questo declino, dal pugno d’acciaio di Reagan contro i controllori di volo alla guerra della Thatcher ai sindacati. Dalla delocalizzazione alla moltiplicazione dei contratti atipici. Dall’automazione che affida alle macchine ciò che prima facevano gli uomini, fino alla gig economy, altro che sharing, che, sotto la maschera della flessibilità, sta istituzionalizzando i “lavoretti”, distruggendo nel frattempo la società cosí come la conosciamo. Perché Uber, Airbnb e gli altri pagano tasse risibili nei Paesi dove producono ricchezza, impoverendoli ulteriormente e costringendoli, se non prendiamo radicali contromisure, a un futuro senza welfare, che aumenterà il bisogno di lavoretti per arrotondare, in una spirale senza fine.

Il capitalismo delle piattaforme, con paghe misere e diritti all’osso, impoverisce dunque i lavoratori compromettendone la capacità di spesa e la solidità sul piano esistenziale, oltre a mettere a repentaglio il loro domani, tanto più in assenza di contributi. Esistono delle vie d’uscita? Non solo esistono, risponde Staglianò, ma si può fare molto. Tanto a livello nazionale che a quello individuale, applicando una tassazione più redistribuita e una governance locale che coinvolga imprenditori, sindacati, magistrati.

Di cosa parla

Questo libro parla delle occupazioni sottopagate di Uber, Airnbnb e delle altre piattaforme che camuffano la loro miseria dietro al racconto della modernità. Rischiando di consegnarci un futuro senza welfare.

Chi l’ha scritto

Giornalista de La Repubblica, ha iniziato la sua carriera come corrispondente da New York per il mensile Reset, ha poi lavorato al Corriere della Sera e oggi scrive inchieste e reportage per il Venerdì dall’Italia e dall’estero. È autore di vari libri sull’impatto di internet sulla società, di Bill Gates. Una biografia non autorizzataCattive azioni. Come analisti e banche d’affari hanno creato e fatto sparire il tesoro della new economy L’impero dei falsi sul traffico di merci contraffatte dalla Cina all’Europa. Per Einaudi ha pubblicato Al posto tuo. Così web e robot ci stanno rubando il lavoro e Lavoretti. Cosí la sharing economy ci rende tutti più poveri.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.