Le imprese e i lavoratori, oltre la pandemia, con Formazienda

Evento_Formazienda_febbraio

L’economia mondiale ha vissuto un periodo drammatico nel corso del 2020 a causa della situazione  di emergenza provocata dal diffondersi del Covid 19. In Italia l’emergenza sanitaria ha comportato l’inizio di una fase completamente nuova per il mercato del lavoro, segnata dalla centralità degli interventi governativi finalizzati al contrasto del diffondersi dell’epidemia, che peraltro si è innestata su una situazione sociale caratterizzata già da forti disuguaglianze.

I dati, secondo il rapporto elaborato dal Cnel, evidenziano che il sopraggiungere dell’epidemia ha iniziato ad incidere sul calo del numero di occupati a partire dal mese di marzo 2020, che è proseguito ad aprile quando si è determinato un buco occupazionale di alcune centinaia di migliaia di unità. A giugno esso era quantificabile in oltre 700 mila unità rispetto allo stesso mese dell’anno prima. Queste perdite sono state parzialmente recuperate tra luglio e agosto, grazie al miglior andamento della pandemia e alla ripresa dei livelli di attività: nei mesi estivi il calo degli occupati si è praticamente dimezzato, anche se già nel mese di settembre questo recupero ha rallentato rispetto ai due mesi precedenti.

Sostenere il lavoro nonostante tutto

Negli ultimi mesi, il Governo ha messo in campo una serie di misure volte a sostenere il tessuto produttivo del Paese e i lavoratori. Infatti, con il Decreto Agosto, con il Decreto Rilancio e il Decreto Cura Italia, sono stati stanziati circa 35 miliardi per il lavoro e sono state introdotte, ed estese, misure come la cassa integrazione per tutte le tipologie di impresa, le indennità per i lavoratori autonomi e nuove misure per tutelare le categorie precedentemente escluse. Inoltre, la Legge Bilancio 2021 ha inserito 12 settimane di Cassa integrazione “speciale” Covid-19 ed ha parallelamente prolungato il “blocco licenziamenti” fino al 30 aprile 2021 – auspicando di prorogarlo fino alla fine di luglio – al fine di tutelare i lavoratori ed evitare ulteriori ricadute occupazionali e. Il provvedimento ha anche agito nell’ottica di incentivare la ripresa dell’occupazione, inserendo sgravi contributivi per assunzioni a tempo indeterminato di soggetti fino a 35 anni e per assunzioni, anche a tempo determinato, di donne; infine, questo provvedimento ha esteso la decontribuzione al Sud fino al 2029.

Inoltre, le difficoltà unite alla crescente crisi politica stanno mettendo a dura prova la tenuta del Governo che nelle ultime settimane ha definito la strategia del Piano di Ripresa e Resilienza e dovrà varare – dopo l’approvazione dello scostamento di Bilancio – il Decreto Ristori 5, il cui obiettivo è tutelare maggiormente le attività ed i lavoratori colpiti dalla pandemia.

I progetti di sostegno di Formazienda

In questo momento di incertezza e crescenti necessità, il Fondo Formazienda, nato dall’accordo tra la Confederazione datoriale Sistema Impresa e la Confederazione dei lavoratori Confsal, intende dare risposte concrete alle problematiche ricorrenti, finanziando la realizzazione di Piani Formativi Aziendali che individuino i fabbisogni del datore di lavoro in termini di nuove o maggiori competenze, in ragione dell’introduzione di innovazioni organizzative, tecnologiche, di processo, di prodotto o servizi in risposta alle mutate esigenze produttive dell’impresa e del  relativo adeguamento necessario per qualificare e riqualificare il lavoratore. Formazienda intende quindi finanziare progetti rivolti a sostenere la competitività delle imprese, anche nella fase contingente di emergenza sanitaria, sostenere gli unskilled workers, ovvero i lavoratori a maggior rischio di esclusione dal mercato del lavoro, in quanto maggiormente colpiti dai processi di riorganizzazione del lavoro, promuovendone la formazione al fine di favorirne la riqualificazione professionale e l’inserimento/reinserimento occupazionale, migliorare i livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, promuovendo iniziative formative per i lavoratori e le imprese.

Il programma

Interventi programmati Nome, Cognome e Ruolo Durata
Saluti iniziali Stefano Colarieti Direttore Generale Consenso Europa 2 minuti
Intervento istituzionale di scenario Tiziano Treu Presidente CNEL 10 minuti
Intervento istituzionale Martina Nardi Presidente della X Commissione Attività Produttive della Camera 10 minuti
Intervento istituzionale Walter Rizzetto Membro XI Commissione Lavoro della Camera 10 minuti
L’impegno di Formazienda Rossella Spada Direttore Generale Formazienda 10 minuti
La posizione del Sindacato Angelo Raffaele Margiotta Segretario Generale Confsal 10 minuti
La posizione dell’Associazione di categoria Berlino Tazza Presidente Sistema-Impresa 10 minuti
Conclusioni Interventi finali dei relatori 5 minuti a intervento
Moderazione Lorenzo Salvia Capo servizio redazione economia del Corriere della Sera