Garanzia Giovani: 1,6 milioni di giovani registrati

GARANZIA GIOVANI

Al 31 maggio 2020 i Neet registrati al programma Garanzia Giovani sono 1,6 milioni.

Al momento le registrazioni fanno registrare una crescita grazie all’allentamento delle misure restrittive legate all’emergenza sanitaria Covid-19. Il 79,8% dei registrati è stato preso in carico dai servizi competenti e il 79,7% dei giovani ha difficoltà di inserimento nel mercato del lavoro.

Cresce il numero di giovani presi in carico da Garanzia Giovani

Il numero di utenti presi in carico dai centri per l’impiego è nettamente più elevato in confronto a quello delle agenzie private per il lavoro, rispettivamente 76,3% e 23,7% su tutto il territorio nazionale. Fa eccezione il Nord-ovest, dove questa distribuzione si inverte, con il 77,9% dei giovani che viene preso in carico dalle agenzie per il lavoro. Inoltre, il 59,8% dei giovani Neet presi in carico dai servizi è stato avviato a un intervento di politica attiva.

Tra i 692mila giovani che hanno completato un intervento di politica attiva, sono oltre 398 mila i giovani occupati al 31 maggio 2020, cioè il 55%. I tassi di occupazione più elevati si registrano per i giovani che hanno beneficiato di un incentivo occupazionale (71,8%) e dell’accompagnamento al lavoro (73%). Il tasso di inserimento occupazionale rilevato in tre momenti diversi – da 1, 3, 6 mesi dalla conclusione dell’intervento in Garanzia Giovani – passa dal 49,6% per 1 mese al 55,8% per 6 mesi.
Nelle Regioni meridionali si ha il maggior numero di registrati, con il 42,7%, mentre sono il 38,1% nelle Regioni settentrionali.

Al 31 maggio 2020 i giovani presi in carico sono 1.258.421, circa 4 mila in più rispetto al mese precedente. Il 40,3% dei presi in carico possiede un profiling alto, vale a dire una maggiore difficoltà ad inserirsi nel mercato del lavoro, percentuale che sale al 64,3% nelle Regioni meridionali.


Potrebbe interessarti anche:

Garanzia Giovani: un milione e mezzo i giovani registrati