Randstad assume i primi neolaureati dell’Unicamillus

Grazie alla partnership fra Randstad e UniCamillus, i primi infermieri, ostetrici e tecnici di laboratorio laureatisi alla terza università privata medica di Roma saranno assunti da Randstad Medical con contratto di somministrazione.

formazione settore sanitario

Meno di un mese tra la cerimonia di laurea e l’assunzione. A novembre si sono laureati i primi 20 infermieri, ostetrici e tecnici di laboratorio della Saint Camillus International University of Health & Medical Sciences (UniCamillus), terza università privata medica di Roma nata nel 2017, e a partire dal mese di dicembre riceveranno una proposta di assunzione da Randstad Medical, la divisione specializzata nella ricerca e selezione di professionisti in ambito sanitario e socio-assistenziale di Randstad, primo operatore mondiale nei servizi per le risorse umane, per lavorare in diversi ospedali sul territorio italiano.

Un importante investimento in capitale umano nel comparto sanitario che è frutto della collaborazione nata due anni fa fra Randstad e UniCamillus con l’obiettivo di promuovere l’inserimento lavorativo dei ragazzi, approfondire contenuti didattici e professionali di interesse congiunto, e valutare la progettazione di nuovi percorsi di formazione professionale rivolti a personale disoccupato.

Giovani, lavoro e sostenibilità sociale

Una partnership che si caratterizza anche per l’attenzione alle politiche di sostenibilità sociale. UniCamillus è frequentata da studenti comunitari e non comunitari che dimostrino un particolare interesse scientifico e professionale per problematiche sanitarie presenti soprattutto in paesi in via di sviluppo. Molti dei ragazzi che si sono laureati provengono dai paesi del Sud del mondo e per questa ragione, dopo una prima fase di inserimento nelle strutture sanitarie per completare sul campo la propria formazione, Randstad favorirà la possibilità di svolgere un periodo di volontariato all’estero garantendo la conservazione del posto di lavoro ai lavoratori che lo richiederanno.

La multinazionale del lavoro, inoltre, ha istituito borse di studio per studenti meritevoli e un numero importante di prestiti d’onore è stato destinato agli studenti non comunitari che non dispongono di risorse economiche sufficienti. I prestiti saranno azzerati quando i laureati ritorneranno a lavorare nel proprio Paese di origine.

“La pandemia ha dimostrato quanto sia importante formare e mettere a disposizione delle strutture sanitarie professionisti della salute dotati delle competenze di cui hanno bisogno per svolgere al meglio la propria funzione – afferma Simona Tansini Amministratore Delegato di Randstad Italia e COO Randstad Medical -. La partnership con UniCamillus, con cui condividiamo l’impegno nel mettere al centro del nostro lavoro le persone e la loro formazione, vuole essere un passo in questa direzione. L’assunzione dei primi laureati di UniCamillus è per noi un investimento in un settore fondamentale per il benessere delle persone e in giovani meritevoli che aiuteremo a completare sul campo la propria formazione”.

“UniCamillus è consapevole del fatto che accanto alla formazione universitaria – ha dichiarato il Rettore Gianni Profitave ne è un’altra, altrettanto importante, da fare sul campo. Un conto sono i tirocini, un conto è l’apprendimento continuo cui ciascuno, non solo in ambito sanitario, è chiamato sul posto di lavoro.  In questo senso, pensiamo che la collaborazione con Randstad sia un valore aggiunto che l’Università offre ai propri laureati per entrare immediatamente nel mondo del lavoro e per continuare a formarsi.  Ma l’ulteriore straordinarietà dell’apporto di Randstad, oltre al fatto che offre ai nostri ragazzi una concreta ed importante occupazione immediatamente dopo la Laurea, consiste nel profilo umanitario dell’offerta che comporta la possibilità di impegnarsi in volontariato nei Paesi in via di sviluppo conservando comunque la continuità occupazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qua il tuo nome