Cosa può insegnarci il fallimento

Chi ha detto che il segreto della felicità è il successo? Charles Pépin ci dimostra il contrario: non c’è storia di vera crescita che non abbia vissuto errori, sconfitte, delusioni.

Il potere magico del fallimento
"Il potere magico del fallimento", un libro di Charles Pépin.

a cura di Annalisa Cerbone |

Scritto dal filosofo francese Charles Pépin e pubblicato nel 2017, il libro il Magico Potere del Fallimento è attuale più che mai nel suo consegnarci una preziosa quanto insospettabile verità: il segreto della felicità non sta nel successo, quanto nel suo opposto, il fallimento.

Non c’è storia di vera crescita che non sia stata costruita attraverso errori, sconfitte, delusioni. Molte delle imprese più importanti nei campi più disparati, sono partite da fallimenti rispetto ai piani originali e seguendo questa logica il libro inanella una dopo l’altro le storie di tanti “falliti” di successo (Charles de Gaulle, Steve Jobs, Serge Gainsbourg, J.K. Rowling, Charles Darwin, Roger Federer, Thomas Edison e tanti altri), accomunate da un identico destino: prima di riuscire hanno fallito, anzi, hanno avuto successo proprio perché hanno fallito.

La teoria dello scrittore è che i successi sono graditi, ma il più delle volte hanno ben poche cose da insegnarci, una sola sconfitta invece può dirci molto di noi aiutandoci a diventare quelli che siamo e a esprimere al massimo il nostro potenziale. Ma per farlo dobbiamo accettare l’esperienza del rischio e non limitarci a scegliere tra alternative note e rassicuranti.

Il fallimento come opportunità di crescita

“Possiamo fallire perché siamo uomini e siamo liberi: liberi di sbagliare, liberi di correggerci, di progredire”: il libro ci invita a ripensare il fallimento come opportunità di crescita e di conoscenza. Il “privilegio” dell’errore ci consente di imparare molto della natura delle cose che ci circondano. Gli errori sono parte della nostra vita e dobbiamo imparare a fallire coltivando la convinzione che non siamo i nostri fallimenti, quanto la volontà e la capacità perseverante di superarli.

L’autore sostiene che non solo dobbiamo imparare a fallire e a convivere con l’errore ma che dobbiamo “affrettarci a fallire” secondo la logica: “prima sbagli, prima impari” perché è solo il fallimento che ci permette di conoscere la realtà e la nostra esistenza dandoci la possibilità di metterla in discussione, di osservarla da ogni angolazione e di trovare un punto da cui partire. Molti studi dimostrano come gli imprenditori che hanno fallito all’inizio, e sono stati capaci di trarre rapidamente una lezione dai propri errori, riescano meglio – e soprattutto più velocemente – di coloro che hanno dei percorsi lineari.

Dalla sua esperienza di insegnante di filosofia al liceo, Pépin, ha avuto l’opportunità di misurare la virtù dei fallimenti precoci, la loro capacità di condurre più velocemente ai risultati attesi. Non superare il primo compito di filosofia risulta più vantaggioso che uscirne con una valutazione mediocre, senza porsi domande. È preferibile fallire subito e porsi le domande giuste invece che riuscire senza capirne il motivo: da quel momento i progressi saranno più rapidi.

Accogliendo questa teoria, comprendiamo che cosa manchi a quei giovani bravi, studiosi e regolari, che entrano nel mercato del lavoro senza avere mai incontrato alcuna difficoltà. Limitandosi a un percorso lineare, portando a termine con successo le mansioni affidate, finiranno con il non padroneggiare la capacità di reagire né quella versatilità così decisiva in un mondo come il nostro in continuo cambiamento.

Perché leggerlo

Perché invita ciascuno di noi a sfidarci nel perseguire un’idea in cui crediamo fortemente, lontani dalla teoria del “successo a tutti i costi” e “cavalcando” l’ottimismo logico.

Chi l’ha scritto

Charles Pépin è un filosofo francese, professore a Parigi presso l’Istituto di Studi Politici. È autore di numerose opere di divulgazione, tra cui due graphic novel dedicate ai grandi pensatori del passato.


Titolo Il Magico Potere del fallimento. Perché la sconfitta ci rende liberi

Autore Charles Pépin

Editore Garzanti, 2017

Argomento Psicologia