Come è cambiato e come cambierà il lavoro

Lavoro ibrido a distanza, “delivery economy”, automazione e intelligenza artificiale sono tendenze che la pandemia ha accelerato. Secondo McKinsey, questo sta scatenando reazioni a catena e cambiamenti sul fronte occupazionale destinati a durare nel tempo

Lavoro post pandemia: il report McKinsey

di Daniela Garbillo |

La pandemia da Covid-19 ha cambiato, forse per sempre, il nostro modo non solo di vivere, ma anche di lavorare. Secondo il rapporto “Il futuro del lavoro dopo Covid-19” di McKinsey Global Institute, la pandemia ha prodotto dei cambiamenti nei modelli di business e nel comportamento dei consumatori. Molti di questi sono destinati a durare.

La ricerca ha preso in considerazione otto economie con diversi mercati del lavoro: Cina, Francia, Germania, India, Giappone, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti. Insieme, questi otto Paesi rappresentano quasi la metà della popolazione mondiale e il 62% del Pil. I risultati mostrano come lavoro ibrido, e-commerce e delivery economy, automazione e intelligenza artificiale siano le tre tendenze che non si esauriranno con la fine dell’emergenza.

Lavoro, prossimità e sicurezza

La pandemia ha, per la prima volta, elevato l’importanza della dimensione fisica del lavoro. Nella ricerca, infatti, sono state definite dieci aree di lavoro che raggruppano le occupazioni in base alla loro vicinanza ai colleghi e ai clienti. Ma anche al numero di interazioni interpersonali coinvolte e alla loro natura, se all’aperto o al chiuso. Gli impieghi nelle aree di lavoro con livelli più alti di prossimità probabilmente vedranno una maggiore trasformazione dopo la pandemia. Innescando effetti a catena in altre aree di lavoro, per via del cambiamento dei modelli di business.

L’impatto a breve e lungo termine della pandemia si concentra in particolare in quattro aree di lavoro con alti livelli di vicinanza:

  • luoghi di svago e di viaggio (inclusi ristoranti e hotel) che impiegano più di 60 milioni di persone negli otto Paesi considerati;
  • interazione con i clienti in loco tra cui vendita al dettaglio e ospitalità (150 milioni);
  • lavoro d’ufficio al computer (300 milioni);
  • produzione e stoccaggio (più di 350 milioni).

Secondo la ricerca, il Covid-19 ha accelerato tre gruppi di tendenze di consumo e di business che probabilmente persisteranno.

Il lavoro a distanza svuota i centri urbani

In primo luogo, il lavoro ibrido a distanza potrebbe continuare. Il 20-25% dei lavoratori nelle economie avanzate e circa il 10% nelle economie emergenti potrebbero lavorare da casa da tre a cinque giorni alla settimana. Principalmente quelli impiegati in lavori d’ufficio basati sul computer. Durante la pandemia questa modalità di lavoro è stata supportata dal rapido dispiegamento di nuove soluzioni digitali, come le videoconferenze, gli strumenti di condivisione dei documenti e l’espansione della capacità di calcolo basata sul cloud. La pandemia ha dimostrato che molto più lavoro potrebbe essere svolto a distanza di quanto si pensasse in precedenza, dalle telefonate per le vendite aziendali agli arbitrati e i processi legali. Ma anche le visite mediche, l’apprendimento, i tour immobiliari e persino le riparazioni di macchinari sofisticati, effettuate con l’aiuto della realtà virtuale.

Questo cambiamento, però, potrebbe ridurre la domanda di ristoranti e negozi nei centri urbani e di trasporti pubblici. Un sondaggio condotto da McKinsey su 278 dirigenti nell’agosto del 2020 ha riscontrato una riduzione media pianificata dello spazio negli uffici del 30%. L’aumento del lavoro a distanza potrebbe anche indurre un cambiamento più ampio nella geografia del lavoro, dato che gli individui e le aziende si spostano dalle città più grandi verso i sobborghi e le città più piccole.

Virtualità, e-commerce e delivery economy

In secondo luogo, la crescita della quota di e-commerce e della “delivery economy” è probabile che continui. Molti consumatori hanno scoperto la comodità dell’e-commerce, delle consegne di generi alimentari ordinate tramite app e di altre attività online durante la pandemia. Nel 2020, la quota dell’e-commerce nelle vendite al dettaglio è cresciuta da due a cinque volte il tasso prima del Covid-19, aumentando la sua quota sul totale delle vendite al dettaglio di diversi multipli. Tre quarti delle persone che hanno usato i canali digitali per la prima volta durante la pandemia affermano che continueranno a usarli quando le cose torneranno alla “normalità”.

Questa tendenza sta sconvolgendo i posti di lavoro nel settore dei viaggi e del tempo libero. E sta accelerando il declino dei posti di lavoro a basso salario nei negozi “fisici” e nei ristoranti, mentre aumentano i posti di lavoro nei settori delle consegne, dei trasporti e dei magazzini. Dato che le vendite al dettaglio online sono aumentate, i rivenditori stanno chiudendo le sedi fisiche. Macy’s e Gap sono tra i molti gruppi che hanno annunciato piani per chiudere centinaia di negozi in tutti gli Stati Uniti. Nel frattempo, durante la pandemia, Amazon ha assunto più di 400.000 lavoratori in tutto il mondo. In Cina, i posti di lavoro nell’e-commerce, nelle consegne e nei social media sono aumentati di più di 5,1 milioni nella prima metà del 2020.

Più automazione, robot e intelligenza artificiale

Le aziende sono ricorse all’automazione e all’IA per far fronte alle interruzioni causate dal Covid-19 e potrebbero accelerarne l’adozione nei prossimi anni. Mettendo più robot negli impianti di produzione e nei magazzini, aggiungendo chioschi self-service per i clienti e robot di servizio nelle aree di interazione con i clienti.

Nel sondaggio globale di McKinsey effettuato su 800 dirigenti nel luglio 2020, due terzi hanno detto che stavano aumentando gli investimenti in automazione e intelligenza artificiale. Di conseguenza, i prezzi delle azioni delle aziende che offrono robotica industriale e IA sono aumentati molto più velocemente del mercato nel 2020. Un esempio è stato il dispiegamento di tecnologie per far fronte ai picchi di domanda durante la pandemia. Questo ha incluso l’automazione nei magazzini e nella logistica, che ha permesso alle aziende di far fronte a volumi più elevati di e-commerce. O negli impianti di produzione per aumentare la produzione di articoli che hanno visto picchi di domanda, come cibo e bevande, elettronica di consumo, maschere e altri dispositivi di protezione personale.

In secondo luogo, molte aziende hanno usato la tecnologia per ridurre la densità di persone presenti sul posto di lavoro. Per esempio, gli impianti di confezionamento della carne e del pollame hanno accelerato l’impiego della robotica. I robot di servizio sono stati anche arruolati per consegnare le forniture negli ospedali e gli ordini del servizio in camera negli hotel. Le aziende hanno distribuito più self-checkout nei negozi di alimentari e nelle farmacie, per soddisfare la domanda dei clienti di servizi senza contatto. Anche la domanda di app per ordinare nei ristoranti e negli hotel è aumentata.

In 100 milioni costretti a cambiare lavoro

Negli scenari di McKinsey, più di 100 milioni di lavoratori negli otto paesi analizzati potrebbero aver bisogno di cambiare lavoro entro il 2030, a causa del mix marcatamente diverso di occupazioni che potrebbe emergere dopo la pandemia. I risultati variano da un Paese all’altro, ma in generale la più grande crescita occupazionale sarà probabilmente registrata nei settori sanitario, Stem e nei lavori di trasporto. Il più grande declino si avrà invece nei lavori di servizio al cliente, nella vendita al dettaglio e nell’ospitalità, nei servizi alimentari, nei lavori di produzione e nei ruoli di supporto degli uffici. Negli Stati Uniti, i posti di lavoro nel servizio clienti e nella ristorazione potrebbero diminuire per un totale di 4,3 milioni. Mentre i posti di lavoro nei trasporti potrebbero crescere di quasi 800.000 unità.

La crescita di un settore, dunque, non compenserebbe le perdite di altri e i lavoratori senza una laurea, le donne, le minoranze etniche e i giovani potrebbero essere i più colpiti. Sarà quindi necessario un ricollocamento rapido ed efficace dei lavoratori. Per esempio assumendo e riqualificando sulla base delle competenze e dell’esperienza piuttosto che dei titoli accademici. I decisori politici dovrebbero considerare prioritario l’accesso equo alle infrastrutture digitali, così come nuovi modi che possano agevolare la mobilità professionale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qua il tuo nome