Il business park Segreen accoglie il lavoro flessibile

Raddoppiano gli spazi di lavoro flessibili a marchio Regus nel business park di Segrate: tante opportunità per sostenere il new normale dei lavoratori e delle aziende

Segreen cresce e punta al lavoro flessibile

Segreen, il business park alle porte di Milano, punta sugli spazi di lavoro flessibile con IWG.

L’hub del lavoro di Segrate, sviluppato e progettato da Europa Risorse, ospita già la sedi di 19 tenant ma si espanderà su un un’area di circa 20.000 mq nella quale prenderà spazio Regus, già presente nella struttura. Raddoppiano quindi gli spazi gestiti da IWG: uffici attrezzati, sale riunioni di tutte le dimensioni e una terrazza. Un ambiente stimolante per concentrarsi, collaborare e dare il meglio al lavoro.

Il flex office riflette il modo di lavorare e vivere della nuova normalità, un prodotto oramai consolidato nel mercato immobiliare – spiega Fabrizio Antonini, CEO di Europa Risorse SGR –. Da operatori di uffici tradizionali, stiamo lavorando a Segreen, ideando nuovi paradigmi per gli spazi di lavoro del futuro. Siamo convinti che l’evoluzione del nostro rapporto si innesti naturalmente nel contesto del business park, arricchendone il tessuto e come nuovo servizio a disposizione dei conduttori”.

Sostenibilità e flessibilità al Segreen 

Lavorare alternativamente da casa, da un ufficio di prossimità e dall’headquarter aziendale è la nuova normalità per molti. Coworking e spazi di lavoro flessibili rappresentano preziosi alleati anche in termini di sviluppo sostenibile. Offrire reti di uffici di prossimità, infatti, aiuta a limitare gli spostamenti di chi poi in questi uffici ci lavora. Inoltre, la condivisione consente di ottimizzare l’uso delle risorse e di evitare sprechi.

Le ultime ricerca IWG stimano in media un risparmio per le aziende di 11.000 dollari per ogni dipendente che lavora nel modello ibrido. Una soluzione che porta con sé, tra l’altro, benefici ambientali dal punto di vista della riduzione della CO2. Ridurre il pendolarismo, infatti, è la cosa più grande che le aziende possono fare per diminuire la loro impronta di carbonio. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qua il tuo nome