Verificare le competenze con UniTo: il progetto è partito

Dal 1 marzo l'Università di Torino certificherà conoscenze, competenze e abilità professionali dei lavoratori, offrendo anche ulteriori opportunità formative

Verificare le competenze con il progetto UNITO

Il nuovo progetto UniTo offre a tutte le persone di età superiore ai 25 anni la possibilità di verificare le competenze, maturate anche in ambiti non formali. Unita all’opportunità di integrarle e di perfezionare dunque la propria preparazione.

L’iniziativa presentata a metà febbraio è promossa dai Dipartimenti di Giurisprudenza e di Management dellUniversità di Torino e gestita dal Corep, Consorzio per la Ricerca e l’Educazione Permanente. In collaborazione con Confindustria Canavese, Confindustria Cuneo, API Torino Formazione e Agenzia Piemonte Lavoro.

Perché sfruttare la certificazione

Lavoratori, lavoratrici e persone in cerca di occupazione potranno verificare in ogni tempo le proprie conoscenze e abilità professionali, al fine di certificarne la non obsolescenza. Ma le potranno anche documentare formalmente, attraverso il riconoscimento di crediti universitari, previa verifica individuale e, all’occorrenza, perfezionando i propri saperi attraverso la scelta di percorsi online parcellizzati.

Dal 1 marzo sarà quindi possibile certificare le proprie competenze e conoscenze in: Marketing, Economia degli intermediari finanziari, Operations Management, Ragioneria, Economia Aziendale, Statistica per l’Azienda, Strategia d’Impresa, Diritto Tributario, Istituzioni di Diritto Pubblico, Diritto dell’Open Data e Trasparenza Amministrativa, Diritto dei Consumatori e Diritto dell’Unione Europea. Il catalogo sarà ampliato fino a 40 ambiti di conoscenza, corrispondenti a circa 230 crediti formativi universitari certificabili.

3 step per verificare le competenze

In particolare, il progetto prevede i seguenti passaggi:

  • incontro con un tutor disciplinare che accerta e valuta i fabbisogni didattici relativi: a seguito di questo primo colloquio vengono proposte tre differenti fasce di attività per verificare le competenze di livello universitario;
  • certificazione: svolgimento di un test di valutazione relativo alla competenza considerata, previa indicazione degli argomenti oggetto della verifica, cui segue relativa certificazione in caso di esito positivo;
  • tutoraggio e formazione personalizzata: valutazione dei fabbisogni didattici formativi attraverso un supporto personale e diretto, con l’indicazione delle eventuali necessità di riallineamento rispetto alle conoscenze utili; segue un test di valutazione e la relativa certificazione in caso di esito positivo.

Risposte concrete al mondo del lavoro

“L’Università svolge in modo sempre di più concreto una funzione di responsabilità pubblica e sociale – dichiara Stefano Geuna, Rettore dell’Università di Torino -. Compiendo un ulteriore passo verso una didattica sperimentale e innovativa che è pensata per l’inserimento efficace delle persone nel mercato del lavoro. La didattica universitaria, infatti, vive un momento di significativo rinnovamento e di trasformazione, anche grazie alle tecnologie digitali. Un cambiamento che offre nuove opportunità per una “terza missione” davvero in grado di supportare le persone nella ricerca di un lavoro che sia motivo di realizzazione e affermazione nella vita”.


Informazioni e modalità di adesione nell’apposita pagina web.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qua il tuo nome