FORMAZIENDA | Il nuovo avviso va a sostegno di donne e Pmi

formazienda avviso

Formazienda emanando l’Avviso 2/2021 ha destinato 10 milioni di euro per la qualificazione e riqualificazione delle risorse umane. In particolare la misura vuole sostenere le Pmi e la partecipazione femminile al lavoro. Il direttore Rossella Spada: «Donne fondamentali per risollevare il Paese»

Le aziende italiane stanno rispondendo con strategie di innovazione davanti alla crisi indotta dalla pandemia. Serve, però, un’importante opera di riqualificazione delle competenze delle risorse umane. Formazienda, il fondo interprofessionale di Sistema Impresa e Confsal, ha emanato l’Avviso 2/2021 con una dotazione finanziaria di 10 milioni di euro.

La ripartenza parte dalle donne

L’Avviso è rivolto alle aziende aderenti con lo scopo di rinnovare le competenze favorendo la competitività delle imprese e l’occupabilità delle persone. La quota di finanziamento pubblico per ogni progetto può raggiungere un massimo di 200mila euro. Attraverso l’Avviso 2/2021 Formazienda intende promuovere una serie di mete funzionali allo sviluppo delle competenze digitali per le imprese, al progresso degli standard di occupazione e occupabilità, alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, all’attivazione di percorsi capaci di incrementare la ricerca e l’innovazione, alla certificazione delle competenze e ad eventuali processi di transizione professionale.

«Abbiamo inoltre previsto una serie di premialità – commenta il direttore di Formazienda Rossella Spadache vogliono incentivare il coinvolgimento nelle attività formative e nella conseguente assunzione delle donne così come viene indicato dalla legge 92/2012. Una categoria che più di altre è stata fortemente penalizzata dalle dinamiche recessive provocate dalla crisi economica impattando con forza sulla tenuta sociale del Paese. Credo che sia un aspetto necessario e qualificante che deriva dalla vocazione delle nostre parti sociali impegnate a perseguire una linea di azione coerente con Agenda 2030, Programmazione Ue 2021-27, Pnrr. La formazione riveste un ruolo dirimente nella fase di uscita dalla crisi perché nel biennio della pandemia abbiamo assistito al definitivo mutamento del paradigma tecnologico e produttivo in riferimento ai mercati nazionali e internazionali. È indispensabile operare sul fronte della costruzione delle competenze per alimentare l’aumento di competitività e di produttività che si sta manifestando con la ripresa. La crescita riparte da un’opera di valorizzazione delle risorse umane».

Una spinta energica, quindi, alla promozione di una più radicata e diffusa occupabilità. È questa la strategia complessiva del nuovo intervento di Formazienda. Sul piano specifico della sicurezza in azienda, inoltre, un particolare apprezzamento sarà riservato ai piani formativi propedeutici all’adozione di Mog specifici. L’Avviso 2/2021 nasce dall’esigenza di costruire posti di lavoro adeguati alle nuove esigenze produttive e tecnologiche accrescendo le competenze dei lavoratori con bassi titoli di studio e meno qualificati e favorendo la partecipazione ai processi di formazione continua delle micro e piccole imprese in tutto il territorio nazionale.

Con l’Avviso 2 Formazienda raggiunge quindi quota 20 milioni di euro stanziati per il 2021 dopo l’Avviso 1 da 10 milioni di euro emanato al termine dell’estate. Nel biennio della crisi sono stati raggiunti i 50 milioni di euro mentre complessivamente dall’anno di fondazione, il 2008, sono circa 180 i milioni che il fondo ha destinato alla formazione continua. Le persone formate superano ormai il mezzo milione. Numeri importanti che dichiarano come Formazienda sia ormai uno degli attori più performanti ed efficienti nel panorama dei fondi interprofessionali.


Potrebbe interessarti anche

FORMAZIENDA | La ripartenza è più veloce con l’Avviso 1/2021

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qua il tuo nome