Organizzare la settimana lavorativa con l’Hybrid Working

Hybrid working: è martedì il giorno più popolare per andare in ufficio. Il venerdì si lavora da casa. Le presenze calano del 20%

Hybrid Working

Volete incontrare i colleghi? Farvi vedere dal capo? Non c’è dubbio. Il giorno giusto per andare in ufficio è il martedì o, almeno, è quello in cui si ha la maggior probabilità di incontrarli. Il martedì, infatti, è il giorno in cui si registra il maggior numero delle presenze negli uffici.

È quanto emerge dall’analisi di IWG – leader globale degli spazi di lavoro flessibile – presente in Italia con oltre 80 business center a marchio Regus, Spaces, Signature e Copernico distribuiti in lungo e in largo lungo la penisola.
Da quando il lavoro ibrido si è affermato anche in Italia, ci siamo abituati a lavorare alternativamente da casa, da un ufficio di prossimità o da uno spazio di coworking e a passare talvolta dall’headquarter aziendale.

Il martedì è il nuovo lunedì

Il martedì è il giorno più gettonato per raggiungere i colleghi. Seguono a ruota il mercoledì e il giovedì – con presenze che si riducono rispetto al martedì, ma solo nell’ordine di un punto percentuale – evidenziando un trend di concentrazione del lavoro in presenza nel cuore della settimana.
Non è il lunedì il giorno in cui si sta più volentieri a casa. Nel primo giorno della settimana, le presenze diminuiscono significativamente rispetto al martedì (-7% in media), ma mai quanto il venerdì, che si conferma in assoluto il giorno prediletto per il lavoro da remoto. Nei venerdì dello scorso ottobre, nei centri di IWG in Italia, i check-in nelle oltre 29mila postazioni italiane hanno registrato mediamente cali del 20% rispetto al martedì e ai giorni centrali della settimana, con picchi fino al 23%.

È un costume unicamente italiano? No. Le presenze nei centri francesi, tedeschi e spagnoli di IWG registrano il medesimo andamento. Con i francesi, abbiamo in comune la predilezione per il martedì, mentre in Spagna e Germania il giorno più amato per andare in ufficio è il mercoledì.

L’approccio ibrido sta cambiando la modalità di lavoro

Mauro Mordini, country manager di IWG per l’Italia spiega “Agli italiani l’approccio ibrido sta piacendo. A mio avviso, poter scegliere dove lavorare – da casa, da un ufficio di prossimità, dall’headquarter aziendale – ha portato a una maggiore valorizzazione del tempo trascorso in ufficio. In questo modo si mantiene spazio per l’interazione e per il confronto intellettuale, ma si riducono i disagi dei trasferimenti con un miglioramento in termini di benessere e facilitazione della conciliazione del lavoro con le responsabilità domestiche o con ogni altra dimensione della vita privata. Nei nostri centri italiani, la maggior parte delle persone concentra le presenze nella parte centrale della settimana, ma c’è anche chi sceglie il venerdì o chi, soprattutto tra i liberi professionisti, preferisce il week end. Credo che un’organizzazione del lavoro per obiettivi, anziché per orari e calendario, possa rappresentare uno stimolo importante per la produttività”.

IWG ritiene che il successo di un’azienda sia merito dell’efficienza e della soddisfazione dei suoi collaboratori. Per questo motivo la sua mission è trasformare ogni giorno in una splendida giornata di lavoro per milioni di persone.

Grazie alla sua esperienza trentennale nel settore degli spazi di lavoro flessibili, IWG ha creato una piattaforma di immobili commerciali leader al mondo. Il suo portfolio di marchi operativi, che include Copernico, Regus, Spaces, Signature, HQ e No18, garantisce un livello di scelta senza paragoni per aziende di tutte le dimensioni e con qualsiasi budget. Con oltre un milione di postazioni in centinaia di Paesi, città e hub di trasporto in tutto il mondo, IWG ha stabilito la più ampia rete di spazi di lavoro flessibili globale, con una suite completa di servizi di supporto per le aziende, che consentono alle persone di concentrarsi sulla loro attività e vivere un’ottima giornata al lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qua il tuo nome