Il giusto mix che serve alle aziende

La filiera della formazione individua la formula vincente: Fad e iniziative in presenza. Rossella Spada, direttore di Formazienda: « Il mercato post Covid chiede alle imprese più innovazione, le competenze del personale sono strategiche per avviare e consolidare la ripresa »

FAD

Pubbliredazionale |

Le aziende ritornano alla formazione in presenza nella formula integrale sostituendo o affiancando la didattica a distanza che, nella fase più acuta della pandemia, è stata utilissima per continuare a costruire le competenze in vista della ripartenza.

Ora il sistema produttivo nazionale, che deve recuperare il 10% di Pil perduto a partire dallo scorso anno con l’esplosione dell’emergenza epidemiologica, si sta rimettendo in moto e le imprese potranno contare su entrambe le modalità di formazione per realizzare i percorsi di innovazione.

La formula vincente

“L’utilizzo di entrambe le soluzioni per implementare nuove conoscenze e abilità”, commenta Rossella Spada, direttore di Formazienda, il fondo interprofessionale che sostiene e finanzia la qualificazione e riqualificazione delle risorse umane che lavorano presso le 110mila aziende aderenti, “è un vantaggio oggettivo per le aziende impegnate nella sfida dei mercati post Covid. La Fad ha permesso di non perdere tempo quando le condizioni sanitarie non consentivano la contiguità tra docente e discenti. Le aziende hanno continuato a formare i propri dipendenti in modo del tutto coerente con le azioni diffuse di smart working facendo ricorso alla modalità da remoto nella versione sincrona e asincrona. Una vera opportunità per dare seguito al cambiamento digitale e tecnologico. Anche strumenti innovativi di politica attiva come il Fondo nuove competenze, finalizzato a promuovere la crescita professionale del personale a fronte di una riorganizzazione interna, hanno consentito di agevolare le imprese nella transizione 4.0”.

Rossella Spada
Rossella Spada è direttore del Fondo Formazienda

I vantaggi della Fad

Formazienda, che durante la pandemia ha stanziato 30 milioni di euro giungendo alla cifra complessiva di 150 milioni destinati alla formazione continua a partire dal 2008, è stato tra i primi fondi a lanciare un avviso di finanziamento propedeutico all’accesso del Fondo Nuove Competenze e ad autorizzare la conversione dei corsi in presenza nella formula a distanza.

Nel biennio 2020-2021 la Fad ha interessato 249 progetti formativi per quasi 13mila partecipanti.“Il nostro giudizio sulla Fad”, continua Rossella Spada, “non può che essere positivo perché ha fornito vantaggi oggettivi per le aziende: riduzione e razionalizzazione dei costi, incremento dei partecipanti, risparmio di tempo, personalizzazione dell’apprendimento, interazione con le nuove tecnologie secondo una variegata scala di complessità, uso della realtà virtuale. Ora, però, per conseguire l’obiettivo della ripresa e per beneficiare del miglioramento della situazione economica globale, le aziende devono poter impiegare la didattica in presenza che, soprattutto in riferimento ad alcuni settori e ad alcune mansioni pratiche, rimane la soluzione più idonea. Pensiamo a particolari tipologie di saldatura che interessano le aziende attive nel settore elettronico o, più semplicemente, alle azioni formative necessarie nel comparto del commercio e del turismo. Qui è evidente che non si può prescindere da una situazione di prossimità per rendere davvero efficace il processo di apprendimento”.

Formazienda, da quando è stato istituito da Sistema Impresa e Confsal nel 2008, ha finanziato 75mila piani formativi qualificando 500mila persone, diventando una delle realtà più performanti nel panorama dei fondi interprofessionali. La sede operativa è a Crema, vicino a Milano, mentre la sede di rappresentanza si trova a Roma. Il fondo collabora con Pmi, grandi aziende e gruppi d’impresa attraverso strumenti di finanziamento specifici. Le imprese provvedono autonomamente a soddisfare il fabbisogno formativo oppure si interfacciano con gli enti di formazione accreditati presso il fondo.

Flessibilità e reattività

“Siamo nati nel Nord Ovest”, conclude il direttore Spada, “ma la nostra flessibilità e reattività nel rispondere alle esigenze delle imprese aderenti ci ha permesso di crescere fino ad essere presenti in tutti i territori italiani. Il ritorno integrale della formazione in presenza è un dato incoraggiante e in linea con il quadro di rilancio generale. È un contesto che deve generare fiducia e che può trovare un’ulteriore spinta negli investimenti previsti dal Pnrr. Una migliore preparazione del capitale umano, attraverso il giusto mix di formazione a distanza e in presenza, rappresenta la premessa per incrementare i fattori di competitività e di produttività indispensabili alla ripartenza del Paese”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qua il tuo nome