Gli strumenti per affrontare i rischi di contagio nei luoghi di lavoro

emergenza covid

a cura di Tiziano Menduto | 

L’evoluzione nel nostro Paese della lotta al contenimento del virus Sars CoV-2 può insegnarci ad affrontare meglio eventuali future emergenze esterne ai luoghi di lavoro, come nel caso dell’emergenza Covid-19. Ad esempio può essere utile comprendere quali sono stati i quattro ambiti che durante l’emergenza hanno fornito utili strumenti alle aziende per contenere e gestire i contagi.

I protocolli condivisi di regolamentazione delle misure

Il primo ambito, a cui abbiamo già accennato nel precedente numero della rivista, riguarda i vari protocolli condivisi di regolamentazione delle misure di contrasto e contenimento del virus sottoscritti tra Governo, ministeri, parti sindacali e parti datoriali. Ricordiamo che oltre ad un protocollo condiviso generale, più volte aggiornato, e ad un protocollo per la vaccinazione nei luoghi di lavoro, sono stati prodotti due protocolli specifici per i cantieri e per il settore del trasporto e della logistica.

Le linee guida regionali per la ripresa delle attività

Si tratta delle numerose versioni delle “Linee Guida per la ripresa delle attività economiche e sociali” prodotte dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. Gli indirizzi operativi contenuti (prima versione maggio 2020) sono stati importanti per favorire l’applicazione delle misure di prevenzione e contenimento in vari settori economici consentendo una ripresa delle attività economiche e ricreative compatibile con la tutela della salute di utenti e lavoratori. Questi alcuni dei settori per cui sono state fornite indicazioni e misure di contenimento del contagio: ristorazione, attività turistiche e ricettive, cinema e spettacoli dal vivo, piscine termali e centri benessere, servizi alla persona, commercio, musei, archivi, biblioteche, parchi tematici e di divertimento, circoli culturali e ricreativi, congressi e grandi eventi, sale giochi, sagre e fiere, corsi di formazione.

I documenti di ricerca e consulenza tecnico-scientifica

Il terzo protagonista dell’informazione per la prevenzione del contagio è stato il principale centro di ricerca, controllo e consulenza tecnico-scientifica in materia di sanità pubblica in Italia: l’Istituto Superiore di Sanità. Abbiamo già presentato alcuni Rapporti dell’Istituto in materia Covid-19 in precedenti numeri della rivista Forme. Può essere utile, tuttavia, fornire qualche numero per far comprendere la rilevanza dei documenti prodotti dall’ISS in materia Covid-19: 63 nel 2020 e, fino alla data del primo luglio, 15 nel 2021.

I documenti tecnici prodotti dall’Inail

Non ci soffermiamo, infine, sui vari documenti pubblicati in materia di emergenza Covid-19 dall’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, a volte anche relativi a particolari ambiti lavorativi. Tuttavia, è bene ricordare il documento dell’Istituto che probabilmente ha avuto maggiore rilevanza nell’evoluzione del contenimento della pandemia, il “Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da Sars-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione”. Una pubblicazione frutto di un lavoro di ricerca condotto dall’Inail anche in qualità di organo tecnico scientifico del Servizio Sanitario Nazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qua il tuo nome