Solo un lieve peggioramento nelle posizioni lavorative nel 2020

Rapporti lavoro

​Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Banca d’Italia hanno avviato una collaborazione al fine di produrre analisi periodiche sulla base dei dati amministrativi delle Comunicazioni obbligatorie, relative alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro alle dipendenze. Il primo numero del bollettino analizza l’andamento delle posizioni lavorative nel 2020 ed in particolare le tendenze nazionali e locali.

Posizioni lavorative nel 2020: andamenti eterogenei

Nonostante l’ampiezza della crisi in atto, il bilancio complessivo del 2020 è solo lievemente negativo, ma si evidenziano andamenti eterogenei tra tipologie contrattuali, settori e territori.

contratti a tempo indeterminato hanno continuato ad aumentare, per effetto della dinamica ancora positiva delle trasformazioni e del blocco dei licenziamenti. Il calo delle posizioni a termine e dell’apprendistato, legato alle difficoltà in alcuni settori – in particolare il turismo – accentua le difficoltà dei giovani e delle donne ad accedere al mercato del lavoro.

Rispetto alla media nazionale le regioni del Nord fanno registrare perdite occupazionali più marcate, mentre in molte aree del Mezzogiorno il saldo è lievemente positivo.

Posizioni lavorative nel 2020: i commenti del Ministro Catalfo

“I dati sulle comunicazioni obbligatorie relativi all’anno 2020 – afferma il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo – ci restituiscono un quadro che, nonostante le problematiche note dovute alla pandemia, presenta alcuni elementi da evidenziare come la sostanziale stabilità del numero complessivo dei posti di lavoro (-42mila unità nell’anno nei settori non agricoli), i saldi positivi in alcune aree del Paese (in particolare nel Mezzogiorno) e l’incremento delle posizioni a tempo indeterminato (+260mila). Se pur a fronte di un arretramento rispetto al 2019, le misure messe in campo dal Ministero del Lavoro e da tutto il Governo – prime fra tutte la cassa integrazione Covid-19, il blocco dei licenziamenti e gli incentivi all’occupazione – nonché la forte resilienza del nostro sistema produttivo, hanno contribuito ad arginare l’impatto negativo della crisi permettendo di preservare centinaia di migliaia di posti di lavoro che altrimenti sarebbero andati perduti. Ciò ha evitato che gli effetti di una crisi sanitaria tramutatasi presto in economica diventassero permanenti. Ci attendono ancora mesi difficili ma l’attenzione dell’Esecutivo resta alta” conclude Catalfo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qua il tuo nome