Quando l’etica è nel Dna

Trasparenza, correttezza e rispetto sono, come spiega il Presidente Guido Crivellin, i valori che negli anni hanno permesso a Etjca di diventare un punto di riferimento per le aziende e per i giovani in cerca di lavoro.

Etjca

di Laura Reggiani |

Somministrazione di lavoro, staff leasing, ricerca e selezione del personale, formazione specialistica e consulenza mirata sono alcune delle attività svolte da Etjca nel mercato del lavoro.

La società, che ha da poco festeggiato i vent’anni di attività, è guidata da Guido Crivellin, che ci ha spiegato i motivi che l’hanno portata a diventare una delle Agenzie per il Lavoro più riconosciute sul mercato nazionale.

Prima di tutto un bilancio di questi primi 20 anni di attività. Ci può fornire qualche numero?

Siamo molto contenti di come sta andando il business. In un Paese in cui il mercato del lavoro è in continua evoluzione, la sfida che ci poniamo ogni giorno è quella di stare il più possibile al passo con i cambiamenti e fare incontrare al meglio la domanda di lavoro con l’offerta. Lo scorso anno abbiamo festeggiato i 20 anni di attività ed è proprio grazie all’impegno di tutti che Etjca ha saputo crescere e innovarsi nel corso degli anni, mantenendo sempre intatta la propria identità e i valori etici che da sempre la contraddistinguono.

Grazie al lavoro dei professionisti che compongono il team di Etjca, l’azienda oggi si posiziona tra i primi 10 player del mercato con un organico di circa 380 persone, una media di 15-18 mila contratti di somministrazione al mese, più di 10.000 aziende gestite, più di 115.000 persone avviate al lavoro, 70 filiali in Italia, le ultime inaugurate a Storo e Catania, un database di 500.000 risorse e un fatturato di più di 300 milioni di euro. Inoltre nell’ultimo anno Etjca ha confermato un trend di crescita pari a +24% rispetto al 2018, superiore rispetto alla media del settore.

Etjca si posiziona nella top ten delle Agenzie del Lavoro. Cosa vi ha portato a raggiungere questi risultati? Cosa differenzia Etjca dalla miriade di ApL presenti in Italia?

Siamo un’agenzia per il lavoro esclusivamente italiana e questo ci permette di conoscere in modo approfondito le legislazioni, le specificità di ogni regione in cui siamo presenti e il mercato del lavoro in cui i nostri clienti operano. Inoltre, la nostra struttura flessibile garantisce alle filiali un’autonomia decisionale e operativa tale da dare risposte veloci e su misura assicurando sempre la centralità dell’individuo, sia esso un imprenditore in cerca di risorse umane oppure un candidato in cerca di impiego.

Siamo l’unica agenzia per il lavoro italiana ad aver stretto un accordo di collaborazione con la Fondazione Studi del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del lavoro e la Fondazione Consulenti per il lavoro, accordo che ci consente di mettere a disposizione dei nostri clienti un’offerta di servizi completa, integrandola con la somministrazione di lavoro a tempo determinato e indeterminato.

Quali sono gli altri servizi, oltre alla classica attività di somministrazione del personale, che offrite alle imprese?

Ci proponiamo alle aziende come partner consolidato, affidabile e competente in grado di garantire un’ampia rosa di servizi ad aziende e giovani in cerca di lavoro. Oltre alla somministrazione del lavoro, offriamo una consulenza mirata e customizzata sui vari aspetti del mondo del lavoro, dallo staff leasing alla ricerca e selezione del personale fino alla formazione specialistica. Anche in un momento di crisi sanitaria come quello che tutte le aziende si sono trovate ad affrontare nei mesi scorsi, abbiamo cercato di essere il più vicino possibile ai nostri clienti e ai candidati, intervenendo in prima linea a supporto del recruiting e sperimentando nuove modalità di selezione on-line.

Negli ultimi anni sono cambiate le modalità di recruiting. Quali strumenti utilizza Etjca per selezionare il personale?

Tradizionalmente i nostri professionisti si avvalgono di un software integrato che incrocia domanda e offerta di lavoro attraverso dei multiposting, ma a seguito della pandemia ci siamo rivoluzionati a favore della digitalizzazione, applicandola anche al mondo del recruiting. In questo periodo non ci siamo mai fermati, abbiamo sostenuto i nostri clienti e i candidati mettendo in atto delle nuove modalità di selezione on-line e innovative pratiche di Smart Working per accelerare il processo di inserimento di nuovi candidati.

Per quanto riguarda il nostro software, si tratta di uno strumento molto efficace che permette di individuare lavoratori specializzati sui quali le aziende possano contare per sostituzioni e integrazioni al proprio organico. L’azienda che cerca un lavoratore inserisce nella piattaforma l’annuncio che poi viene ripreso dai vari canali informatici e motori di ricerca per raggiungere in modi diversi e più pervasivi i potenziali candidati. Un’altra caratteristica del nostro software è la possibilità di fare una ricerca semantica che permette di ricercare immediatamente all’interno del database tutte le parole che si trovano nei curricula dei candidati.

Ci sono settori finali che, dal vostro osservatorio privilegiato, risultano più frizzanti in termini di ricerca di personale? Quali sono le figure professionali oggi maggiormente richieste?

Rispetto a qualche mese fa la situazione del mondo del lavoro è molto cambiata a causa della pandemia che ha duramente colpito il nostro Paese e che continua a creare incertezza. In questo periodo abbiamo registrato una crescita della richiesta di professionisti del settore sanitario, in particolare di infermieri specializzati per far fronte all’emergenza, così come addetti alla grande distribuzione, dell’alimentare, del farmaceutico e della logistica. Ad oggi continuano le ricerche di personale sanitario e OSS su tutto il territorio italiano per far fronte all’emergenza Covid-19, oltre alle ricerche consistenti nel settore dei trasporti, della logistica, della grande distribuzione e nell’ambito industriale, come ingegneri meccanici, programmatori, disegnatori meccanici e addetti al back office.

La digitalizzazione sta cambiando il lavoro e le competenze richieste ai lavoratori. Quali sono le skill oggi più ricercate dalle imprese? Cosa fa Etjca per limitare il mismatch tra domanda e offerta?

Oggi le aziende richiedono ai candidati caratteristiche professionali che difficilmente si apprendono durante il percorso scolastico: flessibilità, creatività, doti comunicative, capacità di gestire il tempo, propensione al team working e capacità di integrare hard e soft skill. Questo crea un disallineamento tra domanda e offerta di lavoro. Ciò che noi facciamo è cercare di diminuire al massimo questo mismatch proponendo percorsi di formazione che consentono di migliorare e potenziare le conoscenze e le capacità dei candidati, così da favorire l’aumento dell’occupazione e aiutare le aziende a reperire figure professionali complete e in possesso di certificazioni adeguate.

Anche i “career day” che organizziamo nelle filiali, per esempio, sono un importante momento di incontro, in quanto aiutiamo e supportiamo concretamente chi è alla ricerca di un’occupazione a comprendere quelle che sono le esigenze e le richieste più ricercate e attuali all’interno del mercato del lavoro.

La formazione è fondamentale per la crescita dei lavoratori e delle imprese. Quali rapporti avete con il mondo dei Fondi Interprofessionali?

Crediamo che la formazione serva a tutti i livelli, sia per i manager di esperienza sia per i dipendenti più junior, e proprio per questo con la nostra divisione Formazione e Fondi Interprofessionali proponiamo una consulenza a 360 gradi per accompagnare le aziende clienti nelle fasi di attivazione dei diversi progetti formativi. Le aziende si rivolgono a noi principalmente per la formazione attraverso Formatemp, un fondo per la formazione dei lavoratori in somministrazione a cui noi per legge versiamo un contributo del 4,20% oppure Formazienda, che si occupa di attivare corsi professionalizzanti.

La metodologia utilizzata da Etjca nella formazione prevede lezioni frontali finalizzate all’assimilazione delle conoscenze teoriche, training group, ovvero apprendimento in piccoli gruppi per incrementare le capacità di interazione interpersonale, outdoor training per valorizzare lo spirito di squadra e il coaching che punta a un miglioramento delle prestazioni e della consapevolezza di se stessi e dei propri obiettivi. Sono tanti i corsi professionalizzanti gratuiti che organizziamo nelle filiali, con l’obiettivo di adeguare la preparazione dei candidati alle esigenze del mondo del lavoro.

Siete state tra le prime ApL ad aver ottenuto il Rating di Legalità. Cosa significa per Etjca e come si muove nella responsabilità sociale d’impresa?

Questo riconoscimento, nato per promuovere in Italia principi etici nelle aziende, è motivo di grande orgoglio in quanto premia l’impegno dimostrato verso il rispetto dei principi etici, di legalità, di controllo e trasparenza che da sempre caratterizzano le nostre attività e i comportamenti a tutti i livelli aziendali. Etjca ha da sempre a cuore la Responsabilità Sociale; il nostro obiettivo è di posizionarci nel mercato come un partner sicuro e affidabile per tutti i nostri stakeholder e, per fare ciò, abbiamo ottenuto anche le certificazioni Uni En Iso 9001:2015 e SA8000:2014.

Abbiamo definito la nostra Politica per la Qualità attraverso il miglioramento dell’organizzazione aziendale e dei processi interni e un continuo aggiornamento del personale. Inoltre, abbiamo attuato un Sistema di Gestione per la Responsabilità Sociale grazie al quale ogni lavoratore ha la possibilità di presentare segnalazioni o reclami circa il mancato rispetto dei propri diritti.

Recentemente avete concluso una partnership con Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. Ci può spiegare di cosa si tratta?

Siamo la prima Agenzia per il Lavoro ad aver sottoscritto un protocollo di intesa con la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro con l’obiettivo di fornire ai consulenti del lavoro la possibilità di proporre la somministrazione di lavoro temporaneo come alternativa ad altre forme di assunzione. Si tratta di un accordo sinergico che permetterà ad entrambe le parti di allargare le proprie attività professionali e introdursi capillarmente sul territorio.

Guido Crivellin
Guido Crivellin è Presidente di Etjca

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.