Sfide, pratiche e politiche per un lavoro di qualità

Feltrinelli JobLessSociety
Un momento del Jobless Society Forum organizzato da Fondazione Feltrinelli

Disuguaglianze crescenti, instabilità economica e sociale, nuove povertà: chiedersi se il lavoro conta significa farsi carico di tendenze che interessano, oggi, non solo le fasce sociali considerate tradizionalmente deboli, ma anche una parte significativa di lavoratori con competenze professionali medie ed elevate. A partire da questo interrogativo si è sviluppata la terza edizione del Jobless Society Forum dal titolo ‘Il lavoro conta? Sfide, pratiche e politiche per un lavoro di qualità’, incontro pubblico di confronto internazionale che Fondazione Giangiacomo Feltrinelli ha organizzato lo scorso 13 giugno, per mettere a sistema conoscenze, esperienze, soluzioni per il futuro del lavoro.

Il lavoro marginale

Tavoli di lavoro, lecture e talk hanno affrontato, quest’anno, il tema del lavoro marginale con un focus su alcune categorie più esposte a forme di esclusione economica e sociale: le donne, soggette ai processi di deregolamentazione del lavoro; le giovani generazioni con occupazioni precarie, intermittenti, discontinue; i lavoratori migranti spesso impiegati nel segmento secondario del mercato del lavoro e interessati da fenomeni di segregazione occupazionale. Nove i tavoli di discussione che hanno preso in analisi altrettanti macro-temi – formazione, nuove competenze, occupazione femminile, occupazione giovanile, lavoro migrante, sistemi innovativi di welfare, imprese e crescita inclusiva, lavoro irregolare, Gig economy – per restituire centralità e dignità ai lavoratori nell’epoca dell’incertezza economica e della quarta rivoluzione industriale.

Un’indagine condivisa

L’appuntamento ha coinvolto la comunità scientifica, il mondo politico, istituzionale e imprenditoriale, le parti sociali e la cittadinanza con lo scopo di promuovere un’indagine condivisa e partecipata sulla metamorfosi in atto. Fra gli ospiti: Cristina Tajani, assessore alle Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane del Comune di Milano; Linda Laura Sabbadini, statistica italiana, pioniera nelle statistiche di genere; Carlo Calenda, ex Ministro dello Sviluppo economica; i sociologi Elena Morlicchio ed Enzo Mingione; Massimo Bonini, Segretario Generale della Camera del Lavoro di Milano; Giovanni Mari, professore Università degli Studi di Firenze; Michele Bugliesi, Università Cà Foscari di Venezia.

 

Sul prossimo numero di FORME in uscita a settembre sarà pubblicato un articolo di approfondimento su quanto emerso dal Jobless Society Forum

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.