WelfaRevolution, ecco i piani di welfare aziendale più innovativi secondo Edenred

La sera del 30 maggio, presso la Triennale di Milano, si è tenuta la prima edizione dei WelfaRevolution: l'evento è stato pensato da Edenred Italia per premiare le imprese italiane che si sono contraddistinte per i loro progetti di welfare aziendale

0

La sera del 30 maggio, presso la Triennale di Milano, si è tenuta la prima edizione dei WelfaRevolution: l’evento è stato pensato da Edenred Italia, società specializzata nel campo della ristorazione e del welfare aziendale, per premiare le imprese italiane che si sono contraddistinte per i loro progetti di welfare aziendale e per i loro interventi nel campo della conciliazione vita-lavoro. I riconoscimenti sono andati a cinque realtà che nel corso degli ultimi anni hanno investito molto in questi campi, riuscendo a realizzare piani di intervento considerati particolarmente innovativi ed efficaci. Ecco le categorie premiate e i relativi vincitori.

Welfare Tellers
Il premio per il miglior progetto di comunicazione del piano di welfare aziendale è stato assegnato a Heineken Italia.

Welfare e Millennials
Il riconscimento per l’impresa rivelatasi più attenta ai bisogni e alle necessità dei lavoratori under 30 è andato a EY.

People Caring & Diversity
Il premio per l’attenzione al benessere e all’inclusione dei lavoratori – anche in ottida di Diversity Management – se lo è aggiudicato il Gruppo Mastrotto.

Flexible Benefit
La palma per miglior progetto destinato ad una grande popolazione aziendale, che quindi mostra necessità e bisogni sociali diversificati, è stata assegnata a TIM.

People Engagement
Il risconocimento dedicato alla realtà che è riuscita a ideare un piano volto a rafforzare lo spirito di squadra e incentivare il senso d’appartenenza aziendale è andato a Brawo.

Bofrost si infine è aggiudicato una menzione speciale in qualità di Welfare Explorer”.

Ospiti e giuria del WelfaRevolution

Nel corso della serata, condotta dalla presentatrice e attrice Katia Follesa, sono intervenuti ospiti d’onore come Javier Zanetti, nominato “Welfare Ambassador 2019“, per la sua capacità di tradurre la leadership, lo spirito di squadra e la sensibilità sociale in un modello chiave per il successo dell’azienda.

A selezionare e scegliere le imprese vincitrici è stata una giuria composta da esperti del settore. Tra questi il nostro ricercatore Valentino Santoni, il presidente di AIWA Emmanuele Massagli, il giornalista Filippo Di Nardo, l’Amministratore Delegato di Edenred Italia Luca Palermo e il Director Business Unit Welfare di Edenred Damien Joannes.

Il potenziale rivoluzionario del welfare

“L’obiettivo principale di questo premio è la condivisione di conoscenze ed esperienze, perché nell’epoca della sharing economy il valore della condivisione diviene centrale, soprattutto quando ad essere messi in circolo sono i progetti virtuosi e le possibili modalità di attuarli – ha dichiarato Luca Palermo. “Il welfare ha davvero un potenziale rivoluzionario, per questo abbiamo voluto celebrarlo.Credo che il benessere delle persone abbia un effetto domino sul benessere dell’azienda, della società e del Paese, in quanto ha un eco potentissima che dalla persona si estende all’intero sistema con effetti benefici e persistenti”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.